Quali sono i sintomi di un'allergia alimentare in un bambino, quali alimenti provocano una reazione, qual è il trattamento?

Trattamento

Dalla nascita, il corpo umano è esposto a fattori ambientali esterni, che a volte causano reazioni imprevedibili in esso. Con un'immunità ipersensibile instabile, può apparire un'allergia: la risposta del corpo a uno stimolo esterno. Un allergene è di solito polvere, lana, sostanze chimiche o cibo..

Nei neonati e nei neonati, le allergie alimentari si manifestano più spesso. È causato da nuovi prodotti, o meglio dagli allergeni in essi contenuti. Entrano nel corpo del bambino con il latte materno o con l'introduzione di alimenti complementari. Una reazione allergica si manifesta sotto forma di un'eruzione cutanea, ma sono possibili sintomi più gravi..

Un'allergia alimentare può verificarsi in un bambino di qualsiasi età, ma molto spesso i bambini dei primi anni di vita ne soffrono

Sintomi di una reazione allergica in un bambino

Dopo che è entrato nello stomaco, il cibo viene digerito e assorbito attraverso la parete intestinale nel sangue, che trasporta sostanze nutritive in tutto il corpo. Il sistema immunitario percepisce alcuni componenti attivi come una minaccia e attacchi. Il corpo aumenta il livello dei globuli bianchi che producono anticorpi. Sotto la loro influenza, le cellule di basofilo vengono distrutte e l'istamina viene rilasciata, causando allergie..

I principali sintomi della patologia sono:

  • vomito
  • diarrea;
  • mal di testa;
  • nausea;
  • eruzione cutanea;
  • prurito
  • dolore e spasmo dell'intestino e dello stomaco.

Un'allergia alimentare in un bambino può verificarsi dalla nascita e si manifesta più spesso con eruzioni cutanee sul viso e sul corpo. Come appaiono questi sintomi è mostrato nella foto..

Una reazione allergica all'introduzione di un nuovo prodotto nella dieta dei neonati

Perché si verifica un'allergia??

Ogni corpo umano è individuale, pertanto è piuttosto difficile prevedere la manifestazione di una particolare reazione allergica. Ci sono diverse ragioni principali:

  • eredità;
  • malattia materna durante la gravidanza;
  • stress e superlavoro;
  • malnutrizione materna;
  • uso frequente di alimenti contenenti allergeni in grandi quantità;
  • ecologia.

Le statistiche mostrano che recentemente, i casi di reazioni allergiche sono diventati più frequenti e si manifesta a vari livelli in ogni secondo bambino. Inoltre, se uno dei genitori ha un'allergia, nel 50% dei casi si manifesterà nel bambino. In presenza di questa malattia in entrambi i genitori, le probabilità di trasmetterla al bambino aumentano di 1,5 volte.

Vi è un'alta probabilità di allergie nel bambino con l'uso costante di alimenti potenzialmente dannosi da parte della madre durante la gravidanza. Le sostanze si accumulano nel corpo del bambino, che subito dopo la nascita può provocare uno o più sintomi: eruzione cutanea, prurito, infiammazione della pelle e delle mucose. Questa risposta immunitaria si manifesta a causa di un forte aumento della sensibilità a un grande accumulo di componenti attivi.

La causa delle allergie è spesso l'ambiente ecologico, quando l'immunità del bambino viene indebolita a causa dell'influenza di fattori esterni dannosi su di esso. Lo stress grave, che porta all'instabilità psicologica del bambino, provoca un aumento della sensibilità del corpo e porta ad allergie.

Prodotti allergenici

Il motivo è di solito la dieta malsana di una madre che allatta. Con una stretta aderenza alla dieta, i sintomi allergici nei neonati scompaiono da soli. Gli allergeni trasmessi attraverso il latte materno si trovano nei seguenti prodotti:

  • zucchero;
  • agrumi;
  • uova
  • miele;
  • frutta e verdura contenenti pigmenti rossi e arancioni.

Dopo l'introduzione di alimenti complementari nei bambini fino a un anno, può verificarsi un'allergia a un nuovo prodotto. La ragione di ciò è una proteina aliena, che il corpo del bambino non è ancora in grado di elaborare. Inoltre, il sistema immunitario lo riconosce come un "nemico", quindi un nuovo prodotto viene sempre introdotto con cautela, a partire da 1/3 cucchiaino con un graduale aumento della quantità nell'arco di 2 settimane.

Se durante questo periodo non si sono manifestate reazioni allergiche, è possibile inserire il seguente prodotto. Se si verifica una reazione indesiderata del corpo del bambino (vomito, diarrea, eruzione cutanea), il prodotto allergenico viene rimosso dalla dieta del bambino per almeno 1 mese.

Quindi puoi provare a reinserirlo. Di solito le allergie nei bambini fino a un anno sono causate da:

  • uova
  • pesce;
  • il latte, in particolare la mucca, che viene introdotto nel menu per bambini non prima di 1,5 anni;
  • cereali e prodotti da forno su farina di grano, avena o segale;
  • frutta e verdura rosso-arancio.

Fino a 4 anni, una reazione allergica può comparire su frutti di mare, agrumi, pomodori, alcuni frutti, nonché su prodotti che includono coloranti alimentari, emulsionanti e agenti aromatizzanti. Questa allergia alimentare è accompagnata da vomito, diarrea ed eruzioni cutanee. Gli esperti raccomandano di selezionare attentamente la dieta del bambino. All'età di 9-10 anni, il corpo imparerà a riconoscere le proteine ​​e l'allergia si ritirerà.

Diagnostica

Esistono diversi modi per identificare a quale prodotto è allergico un bambino:

  • Diario alimentare (programma). È conveniente tenerlo dall'inizio dell'alimentazione, poiché la dieta del bambino è ancora molto povera. Contiene dati sui prodotti che il bambino consuma. Se non si verifica allergia in 1-2 settimane, viene introdotto un nuovo prodotto, inserendo una voce appropriata. Quando si contatta un medico, tale diario ti permetterà di analizzare in dettaglio e comprendere la causa della reazione allergica nel bambino, oltre a scegliere una dieta per lui.
Analisi degli allergeni
  • Test cutaneo È fatto con la remissione della malattia. Durante lo studio, il bambino deve seguire una dieta in modo che i risultati siano accurati. Le tacche sono fatte sulla pelle in cui viene introdotto un allergene alimentare. Il risultato è determinato dalla reazione cutanea..
  • Metodo di laboratorio. Lo studio è condotto sul sangue del paziente con esacerbazione della malattia. Questa diagnosi rivela ipersensibilità alle proteine ​​di vari prodotti..
  • Test provocatorio. Viene effettuato in cliniche specializzate e determina con precisione il tipo di allergene. È prescritto in casi estremi, poiché sono possibili una forte reazione allergica e shock anafilattico. Ai bambini viene prescritta questa procedura dopo 9 anni.

Devo trattare le allergie con i farmaci?

Di solito, nei neonati e nei bambini di un anno, l'allergia non viene curata, ma scompare senza molto trattamento. Per fare questo, è sufficiente escludere il prodotto provocante dalla dieta. Tuttavia, in alcuni casi, la malattia deve essere trattata con farmaci:

  • eruzioni cutanee minori e prurito aiutano a curare antistaminici e pomate e gel rigeneranti, ad esempio Bepanten, Fenistil;
  • per il trattamento di allergie moderate vengono utilizzati sorbenti che contribuiscono alla rapida eliminazione di allergeni e antistaminici;
  • con l'edema di Quincke, i diuretici sono inoltre prescritti;
  • se si è sviluppato uno shock anafilattico, il bambino viene posto nell'unità di terapia intensiva e vengono somministrati antistaminici e, con arresto cardiaco, adrenalina.
Per alleviare i sintomi di allergia alimentare, il pediatra prescrive pomate speciali

Dieta per allergie alimentari

Uno dei principali metodi di trattamento delle allergie alimentari è una dieta adeguatamente selezionata. Dovrebbe escludere tutti i prodotti che causano una reazione indesiderata nel corpo di un bambino. Se un tale prodotto allergenico non viene identificato, tutti i piatti sospetti che possono provocare un'allergia dovrebbero essere esclusi. Vale la pena astenersi dal mangiare cibi contenenti emulsionanti, coloranti e aromi.

Se il prodotto che provoca allergie alimentari è noto, tutti i piatti che lo contengono dovrebbero essere esclusi dalla dieta dei bambini. Ad esempio, se sei allergico alle uova, al tuo bambino non dovrebbero essere date omelette, marshmallow, torte e pasticcini con crema proteica, ecc. Quando acquisti pasti pronti, dovresti familiarizzare con la loro composizione indicata sulla confezione per prevenire l'uso accidentale dell'allergene.

Con una dieta rigorosa tempestiva, le allergie alimentari nei bambini passano rapidamente. Trascurare una dieta porta a una reazione allergica a nuovi prodotti e complicanze, che è particolarmente indesiderabile per i bambini. I genitori dovrebbero aiutare il loro bambino e fare di tutto per curare e alleviare le sue condizioni.

La dieta di una madre che allatta

Dopo la nascita, il bambino viene nutrito con il latte materno - il prodotto più adatto e completo per il neonato (per i dettagli, vedi: cosa succede se il bambino è allergico al latte di mucca?). Con esso, il bambino riceve tutte le vitamine e i minerali necessari. La composizione del latte materno è formata dalla nutrizione di una madre che allatta, quindi deve seguire una dieta e non mangiare cibi e bevande dannosi, scadenti o proibiti.

Per prevenire le allergie alimentari in un bambino che allatta, una madre che allatta deve seguire una dieta speciale

È stata sviluppata una speciale dieta mensile di una madre che allatta:

Del meseProdotti consentitiProdotti proibiti
1
  • cereali sull'acqua: avena, grano saraceno, mais o riso (se il bambino non ha costipazione);
  • pasta dura;
  • zuppe magre;
  • carne magra;
  • verdure: zucchine, in piccole quantità carote e barbabietole bollite, patate;
  • latticini: panna acida, formaggio a pasta dura, ricotta a basso contenuto di grassi, kefir;
  • burro (circa 50 g al giorno);
  • frutta: mele cotte;
  • Pane di segale;
  • bevande: tè nero o verde debole, composta di frutta secca.
Latte cereali, legumi, uova, cavoli, frutta e verdura arancione e rossa, sottaceti, agrumi, maiale, miele, torte, pasticcini, pasticcini, cioccolato, bevande alcoliche e gassate, caffè.
2-3
  • borsch magro con succo di pomodoro;
  • noccioline
  • latte cotto fermentato, yogurt senza conservanti;
  • in piccole quantità marmellata fatta in casa;
  • zucca bollita;
  • latte condensato;
  • uova
  • porridge di latte.
Agrumi, fagioli, frutta e verdura arancione e rossa, cavolo bianco, sottaceti, maiale, miele, torte, pasticcini, pasticcini, cioccolato, caffè, liquori e bibite.
3-6
  • Cavolo bianco;
  • broccoli;
  • miele;
  • fagioli, piselli;
  • cioccolato (vedi anche: le madri che allattano possono mangiare cioccolato?).
Agrumi, maiale, caffè, bibite gassate e alcolici.

Dopo il parto, una madre che allatta deve seguire una dieta rigorosa per una settimana. Quindi introdurre gradualmente nuovi prodotti secondo lo schema: 1 in 2-3 giorni. Se il bambino ha un'allergia, la mamma saprà già quale prodotto ha causato questo. All'età di 6 mesi, il bambino dovrebbe tornare completamente alla sua dieta normale..

Un'allergia si verifica anche con i farmaci, quindi se è necessario un trattamento, una donna dovrebbe avvisare il medico che sta allattando.

La dieta di un bambino più grande

I bambini con allergie alimentari devono selezionare attentamente una dieta. Se è noto quali prodotti causano una reazione indesiderata, vengono esclusi dal menu per bambini. Inoltre, un bambino con immunità instabile può sviluppare una "allergia crociata", una reazione ai prodotti con una proteina simile.

Per scegliere la dieta giusta per lui, devi sapere dove sono contenuti più allergeni e provare ad escludere tale cibo:

ProdottiAlto contenuto di allergeniIl contenuto medio di allergeniBasso contenuto di allergeni
Cereali-Grano, segalePane di mais, grano saraceno e riso
Cereali-Grano saraceno, maisFarina d'avena, orzo, semola
FruttaagrumeBanane, albicocchePere, mele cotte e fresche
Frutti di boscoLamponi, ribes rosso, fragole, more, uva, ciliegie, pesche, melograni, meloni, prugne, angurie (consigliamo di leggere: le madri che allattano possono mangiare il melone?)Mirtilli rossi, mirtilli rossi, ribes, ciliegia di uccello (vedi anche: è possibile mangiare mirtilli rossi durante l'allattamento?)Ciliegie, Ribes Bianco, Uva Spina
VerdureCarote, sedano, pomodori, melanzane, peperoncinoPeperoni Verdi, Fagioli, PatateBroccoli e cavoli bianchi, cetrioli, prezzemolo, zucchine, aneto, insalata verde, spinaci, rapa
Latticini e latte acidoYogurt con additivi, latte, formaggio-Yogurt, kefir, ricotta a basso contenuto di grassi, latte al forno fermentato (vedi anche: il latte al forno fermentato è utile in gw?)
CarneSalsiccia e maiale affumicatoConiglio, agnello, tacchino,Pollo, maiale magro, manzo bollito
PesceTutti i frutti di mare-Pesce persico cod
Burro--Cremoso, Girasole e Oliva
Le bevandeBevande gassate e colorate, caffè, cacao-Cinorrodo, tè verde
UovapolloQuaglia-
AltroCondimenti, marinate e conserve, salse, cioccolato, miele, funghi, noci, coloranti (vedi anche: Le madri possono mangiare funghi durante l'allattamento?)-Frutta secca

Come prendersi cura di un bambino con reazioni allergiche?

Con l'età, i bambini "superano" le loro allergie alimentari. Le cellule del corpo diventano più resistenti agli allergeni. Tuttavia, molti, eliminando le allergie alimentari, possono acquisire altri tipi di reazioni allergiche: lana, polline, polvere, medicine, ecc..

Un bambino allergico ha bisogno di cure speciali. I genitori dovrebbero controllare la sua dieta, con cautela quando danno nuovi prodotti. Devi fare il bagno al tuo bambino in acqua calda per non più di 15 minuti. La casa deve essere pulita e bagnata regolarmente per evitare l'accumulo di polvere..

Durante i periodi di malattia, non si può essere eccessivamente portati via con diversi farmaci - solo un medico che conosce la diagnosi del bambino dovrebbe prescriverli. Le cartelle cliniche del bambino indicano farmaci e prodotti che gli causano allergie ai farmaci o agli alimenti. Tali bambini indossano un braccialetto medico.

Igiene personale del bambino e degli animali domestici

Inoltre, i vestiti del bambino vengono anche lavati con una polvere speciale e accuratamente sciacquati. Molti prodotti sicuri sono stati sviluppati per il lavaggio delle stoviglie..

Se il tuo bambino è allergico ai capelli, non dovresti avere animali domestici. Un animale che è apparso in casa prima di un bambino allergico è meglio dare a qualcuno per non provocare reazioni indesiderate nel bambino. Se non c'è allergia alla pelliccia, l'animale può essere lasciato, ma sii preparato al fatto che i sintomi della malattia potrebbero apparire in futuro.

Un bambino può frequentare la scuola materna durante il trattamento?

In ogni città dovrebbero funzionare istituti speciali in età prescolare per bambini allergici. Monitorano la dieta del bambino e forniscono le cure necessarie. Tuttavia, se non esiste una tale istituzione in città, quindi in un normale giardino, secondo la legge, devono preparare il cibo separatamente per un bambino malato. I genitori del bambino devono essere informati della malattia dalla direzione e dal personale in modo che il bambino riceva la dovuta attenzione.

Allergia alimentare nei neonati: sintomi, possibili cause, trattamento

Qualsiasi disagio in un bambino piccolo provoca grave ansia nei suoi genitori. Ma se, ad esempio, con il raffreddore, tutto è relativamente semplice (è facile sospettare, il regime di trattamento è chiaro, è necessaria solo una stretta aderenza alle prescrizioni del medico), quindi un'allergia alimentare può confondere una giovane madre.

L'allergia è una specie di falso allarme: l'immunità reagisce così a una sostanza innocua, che erroneamente ha considerato una minaccia. Questa condizione si verifica spesso nei bambini, poiché le loro forze protettive non sono completamente formate e non sono "addestrate" a riconoscere chi è "un estraneo" nel corpo e chi è il loro. La forma più comune è l'allergia alimentare. Nei bambini, fortunatamente, si presta bene alla correzione. Inoltre, il trattamento tempestivo e l'esclusione dell'allergene dalla dieta con un alto grado di probabilità porterà al fatto che un giorno il prodotto cesserà di essere irritante. Quindi, un bambino adulto sarà in grado di includerlo nella sua dieta, senza paura di reazioni indesiderate del corpo.

Allergie alimentari in un bambino: cause nel latte e negli alimenti complementari

Una predisposizione all'allergia a un determinato prodotto può essere ereditaria. Ciò non significa che una madre con intolleranza al pesce avrà un bambino con la stessa caratteristica. Secondo le statistiche, l'ereditarietà si manifesta nel 25% dei casi, ma se entrambi i genitori sono allergici, la probabilità raddoppia [1].

La causa delle allergie alimentari in un bambino può essere l'uso di una formula per bambini per l'alimentazione artificiale. Nonostante il fatto che i produttori stiano cercando di massimizzare la composizione di questo prodotto nel latte materno, alcuni componenti del corpo possono ancora essere respinti. Ad esempio, le miscele di latte contengono latte di mucca o di capra e le proteine ​​animali spesso agiscono come allergeni. In alcuni bambini, la soia, un ingrediente spesso presente in miscele senza latticini, provoca una reazione allergica. Pertanto, il cibo viene selezionato individualmente, sotto la supervisione di un neonatologo.

Anche con l'allattamento al seno, in una bambina può verificarsi una forte allergia alimentare se la madre non controlla la sua dieta. I principali prodotti che irritano il sistema immunitario sono noti ai più. Ma aggiorniamo l'elenco:

  • frutta e verdura con pigmento rosso o arancione: pomodori, peperoni, pesche, fragole, lamponi, ciliegie, mirtilli rossi, mele, arance, mandarini, anguria, albicocche secche;
  • frutti esotici: mango, frutto del drago, rambutan e così via;
  • Pesce e frutti di mare;
  • latte di mucca;
  • uova di gallina;
  • noccioline
  • miele;
  • caffè, cacao;
  • cioccolato.

L'elenco non è completo, può variare a seconda delle caratteristiche individuali del corpo.

L'introduzione di alimenti complementari è un altro test per l'immunità infantile. Tutte le stesse regole funzionano qui come con la dieta di una madre che allatta. Quando aggiungi nuovi prodotti alla dieta del bambino, devi monitorare attentamente la sua reazione ad ogni pasto. Di seguito descriviamo come si manifestano le allergie alimentari nei neonati.

Segni di allergie alimentari nei bambini

Le manifestazioni di allergie alimentari in un bambino possono essere molto diverse. Questo fatto porta spesso a difficoltà durante la diagnosi di tali condizioni. Ecco i principali sintomi delle allergie alimentari nei bambini:

  1. Cambiamenti nella pelle: eruzione cutanea, desquamazione e prurito su guance, collo, pieghe della pelle, croste e squame sul cuoio capelluto, sudorazione e dermatite da pannolino.
  2. Rigonfiamento. Naturalmente, anche questa è una manifestazione della pelle, ma abbiamo deciso di evidenziare l'edema in un paragrafo separato. Questo è un segno molto pericoloso di allergia, un avvertimento sul possibile sviluppo dell'edema di Quincke, che porta a insufficienza respiratoria e senza assistenza tempestiva di emergenza - anche fino alla morte.
  1. Cambiamenti nel comportamento del bambino. Se il bambino piange spesso, dorme male, diventa irrequieto o, al contrario, letargico, questo può segnalare una reazione allergica.
  2. Disturbi del tratto gastrointestinale. Vomito, coliche intestinali, costipazione frequente e flatulenza possono essere la risposta dell'organismo a un allergene. Inoltre, i sintomi elencati sono possibili segni di gravi problemi all'apparato digerente. E indipendentemente dalle ragioni, tali violazioni del tratto digestivo possono avere gravi conseguenze. Ad esempio, vomito frequente e diarrea nei bambini piccoli portano a disidratazione, che a sua volta può causare condizioni più gravi e persino la morte. Pertanto, è impossibile rimandare una visita a un medico.

Le frequenti reazioni allergiche portano alla distruzione e all'eliminazione di un gran numero di bifidobatteri e lattobacilli benefici dall'intestino. Questi microrganismi colonizzano l'intestino umano nelle prime ore dopo la nascita. Non consentono ai batteri e ai virus patogeni di moltiplicarsi, partecipare al processo di digestione del cibo e contribuire all'assorbimento di vitamine e sostanze nutritive. La violazione del rapporto tra batteri benefici e nocivi è chiamata disbiosi. Le allergie alimentari possono essere sia la causa che il risultato di uno squilibrio della microflora.

Vale la pena dire che la disbiosi si verifica in quasi tutti i bambini, solo il 10% dei bambini non presenta questa condizione. Quindi, nella maggior parte dei casi, il trattamento delle allergie alimentari nei bambini piccoli include la correzione dell'equilibrio della microflora.

Trattamento delle allergie alimentari nei neonati

Si noti che il "trattamento" per le allergie non è una formulazione completamente corretta. Come abbiamo detto, una simile reazione ostile del corpo a un prodotto normale si verifica per errore. Per eliminare questa condizione, è necessario, in primo luogo, rivedere la dieta del bambino (e della madre, se il bambino è allattato al seno) ed escludere tutti i potenziali allergeni. Un pediatra ti aiuterà a scegliere una dieta. Se necessario, può prescrivere assorbenti, il cui uso rimuoverà l'allergene dal corpo.

Se l'allergia non è espressa sotto forma di un semplice arrossamento delle guance, ma è più grave, uno specialista può prescrivere una terapia antistaminica.

Con l'aiuto di tali farmaci, eruzioni cutanee, gonfiore e altri sintomi possono essere rapidamente eliminati, tuttavia, in pediatria, l'istamina viene utilizzata in rari casi a causa di un impressionante elenco di controindicazioni ed effetti collaterali..

Con un alto grado di probabilità, il pediatra prescriverà un probiotico che contiene batteri benefici vivi per la correzione della disbiosi. È importante notare che questo non è un farmaco, il che significa che non dà un carico di droga sul corpo del bambino. Le controindicazioni all'uso di tali agenti sono molto spesso solo intolleranza individuale ai componenti..

Un'allergia in un bambino non è la condizione più piacevole sia per il bambino che per i suoi genitori. Tuttavia, di regola, è facilmente corretto, a condizione che la madre, notando i primi segni di allergia alimentare in un bambino, non abbia iniziato a tirare con un appello al medico curante.

  • 1 https://allergiyanet.ru/raznoe/peredaetsya-li-allergiya-po-nasledstvu.html

Nelle prime due o tre settimane di vita, quasi ogni bambino ha delle macchie rosse sul viso che ricordano una reazione allergica. In realtà, si tratta di un'eruzione ormonale: il corpo di un neonato viene eliminato dagli ormoni della madre che ha ricevuto nell'utero. Questa condizione è considerata normale e non richiede trattamento..

Allergia alimentare in un bambino: sintomi, cause, trattamento, prevenzione

Le allergie alimentari nei neonati non sono rare. Il corpo non è abituato a una vita piena in questo mondo e reagisce negativamente a molti prodotti. Il principale segno della malattia è un'eruzione cutanea, tuttavia l'intolleranza può nascondersi sotto altri sintomi. È importante riconoscere la malattia in tempo e condurre un trattamento adeguato. Ma solo un medico può diagnosticare e alleviare correttamente le allergie.

Come si manifesta l'allergia alimentare nei neonati

In alcuni bambini, i segni di una reazione allergica compaiono nel primo mese dopo la nascita. Appaiono macchie rosse che causano preoccupazione per i genitori premurosi. Un fenomeno simile dovrebbe essere preso con calma: questa è la reazione naturale del bambino agli ormoni ricevuti dalla madre. Un'eruzione cutanea passa già nel secondo mese di vita di un bambino.

Per riconoscere la malattia, è necessario comprendere chiaramente l'aspetto dell'allergia alimentare nei neonati. Il corpo dei bambini reagisce in modo diverso alle sostanze irritanti.

Se c'è un'allergia alimentare in un bambino, i sintomi possono essere i seguenti:

  1. dagli organi digestivi: vomito, flatulenza, coliche, gonfiore, sputi frequenti, disturbi delle feci - lo scarico diventa liquido o schiumoso, il colore cambia, molto spesso in verde. In alcuni bambini, al contrario, si osserva costipazione;
  2. manifestazioni esterne sulla pelle: comparsa di macchie rosse ed eruzioni cutanee, prurito alle aree irritate, sudorazione, comparsa di dermatite da pannolino, desquamazione;
  3. dal sistema respiratorio: naso che cola, starnuti, tosse, asma, respiro corto, broncospasmo.
  4. Altri sintomi di allergie alimentari nei bambini: edema di Quincke, lacrimazione, irritazione delle mucose, infiammazione degli occhi.

È difficile prevedere esattamente come appare l'intolleranza in un bambino particolare. Questi sintomi hanno molte altre malattie. Per stabilire che sono sorti davvero a causa di una reazione allergica al cibo, è necessario condurre alcuni test, consultare un pediatra e un allergologo.

È vietato eseguire autonomamente un trattamento, poiché può danneggiare la salute del bambino!

Quanto dura l'allergia alimentare nei neonati

La durata della malattia dipende da diversi fattori:

  1. la quantità di cibo consumato che provoca un'allergia;
  2. velocità di esclusione del prodotto dal menu;
  3. l'efficacia della terapia prescritta da un medico;
  4. stato di immunità. Nei bambini duri, dopo aver eliminato l'allergene, i sintomi scompaiono.

I primi segni di intolleranza compaiono 1-2 ore dopo l'uso dell'allergene.

Tutti i bambini di età inferiore ai due anni sono a maggior rischio di allergie. È a questa età che gli alimenti vengono spesso introdotti nella dieta che spesso causano una reazione negativa: uova, verdure brillanti, latte. Di solito, il corpo affronta da solo il problema e nel 90% dei bambini entro tre anni i sintomi scompaiono.

Ma se è troppo presto per includere frutti di mare, pesce o noci nel menu di una madre che allatta o di un bambino fino a due anni, allora, in caso di intolleranza, quest'ultimo diventa spesso un compagno di vita.

Trattamento delle allergie alimentari nei bambini

È necessario iniziare la terapia con la dieta di una madre che allatta, se il bambino è in HB. Se non riesci a stabilire con precisione l'allergene, devi rivedere completamente la dieta e rimuoverla:

  • qualsiasi verdura, frutta di colore brillante - lamponi, pomodori, fragole;
  • agrumi;
  • frutti di mare;
  • Latte di mucca - nei neonati, si manifesta spesso intolleranza alle proteine ​​che fanno parte della composizione;
  • uova di gallina.

Aderire a una dieta ipoallergenica avrà almeno 2 settimane. Durante questo periodo, le tossine che causano una reazione negativa vengono rimosse dal corpo del bambino, l'immunità del bambino viene ripristinata. Quindi puoi inserire attentamente i prodotti esclusi nel menu, ma non più spesso di un tipo di cibo in 2-3 giorni.

Se il bambino è alimentato in modo misto o artificiale, è necessario prestare attenzione alla composizione della miscela utilizzata negli alimenti. Potrebbe essere necessario passare a un altro prodotto. E in caso di conferma di allergia alle proteine ​​del latte vaccino, utilizzare miscele speciali per capra o altri analoghi del prodotto.

Il trattamento farmacologico delle allergie alimentari nei neonati viene effettuato esclusivamente sotto la supervisione e la prescrizione di un medico. Di solito viene utilizzata una terapia complessa, composta da:

  1. farmaci per alleviare il prurito e l'eruzione cutanea;
  2. medicinali che aiutano a strappare;
  3. farmaci che normalizzano il tratto digestivo.

Solo un medico può prescrivere farmaci per il trattamento delle allergie alimentari e un dosaggio sicuro!

Cosa scatena l'intolleranza

L'allergia alimentare di un bambino è causata da molti piatti. Per evitare manifestazioni spiacevoli, una madre che allatta, e successivamente un bambino, dovrebbe rifiutare:

  • uova di gallina - facili da sostituire con quaglie;
  • frutti di mare;
  • Fast food;
  • bevande gassate;
  • cioccolato, cacao;
  • agrumi;
  • noccioline
  • funghi;
  • spezie, salse;
  • pesce grasso;
  • caffeina;
  • prodotti contenenti coloranti e conservanti;
  • dolci, in particolare miele;
  • aglio, cipolla
  • sottaceti.

Il cibo dovrebbe essere sano. Il menu settimanale deve includere:

  1. Prodotti lattiero-caseari fermentati a basso contenuto di grassi naturali: ricotta, kefir, yogurt.
  2. Tipi di carne ipoallergenici: tacchino, coniglio, manzo senza grassi.
  3. Frutti di colore chiaro, oltre che fatti dalle loro composte, bevande di frutta.
  4. Verdure delicate - zucchine, cavoli, patate.
  5. Pesce magro - nasello, pesce persico.
  6. Cereali senza latte di grano saraceno, mais, farina d'avena.
  7. Zuppe leggere, brodi.
  8. Tè verde.

Alcuni prodotti hanno un limite di quantità. Dovrebbero essere inseriti con cautela nel menu della madre e dovrebbero essere consumati non più di una volta alla settimana. Allo stesso tempo, è importante monitorare le condizioni del bambino sull'epatite B.

"Vestibilità limitata" per l'uso:

  • pasta;
  • pasticcini, compreso il pane;
  • succhi di frutta;
  • una gallina;
  • Maiale;
  • Tè nero;
  • latte, panna acida;
  • semolino.

Anche il metodo di cottura viene scelto risparmiando. Possono essere cotti, stufati, cotti al forno. Sono esclusi i cibi fritti o salati.

Una dieta simile è rilevante per tutte le madri di bambini dalla nascita ai 4 mesi, indipendentemente dal fatto che i bambini abbiano allergie.

Allergie alimentari in un bambino: consigli per le mamme

Per evitare la manifestazione di una reazione negativa nei bambini, è necessario rispettare alcune regole.

  1. È indispensabile seguire una dieta a basso contenuto allergenico per almeno i primi tre mesi di vita di un bambino. Se i genitori sono inclini alle allergie, è meglio aumentare il periodo di 2-3 mesi. L'elenco dei prodotti viene adattato con particolare attenzione: nei bambini, l'intolleranza può causare il prodotto sbagliato che la madre o il padre.
  2. Il nuovo cibo viene introdotto gradualmente nei bambini, non più spesso di un prodotto in 2-3 giorni. È più facile rintracciare un prodotto che provoca una reazione negativa..
  3. Innanzitutto, viene offerta una piccola quantità di nuovo cibo. Entro due giorni, le condizioni del bambino vengono monitorate. Se compaiono un'eruzione cutanea o altri sintomi, il prodotto viene rimosso dalla dieta. Un nuovo tentativo può essere effettuato in non meno di un mese.
  4. Cerca di mantenere l'HB per i bambini. Il latte materno contiene gli elementi più importanti che aiutano a formare l'immunità del bambino e resistono agli effetti di varie sostanze irritanti. Inoltre, quando una donna segue una dieta, il prodotto non provoca allergie.
  5. Scegli il giusto mix per i piccoli artigiani e non aver paura di cambiarlo quando si verificano allergie. Ci sono molte opzioni alimentari sul mercato adatte a bambini di tutte le età..
  6. L'alimentazione complementare inizia non prima di 4-6 mesi. I pediatri raccomandano di introdurre prima le puree vegetali. Il dott. Komarovsky ha un punto di vista leggermente diverso: parla della necessità di iniziare ad espandere il menu con ricotta e kefir. Ma i genitori dovrebbero partire completamente dallo stato del bambino e scegliere non solo prodotti sicuri, ma anche per bambini.
  7. Porridge madre, e in seguito il bambino dovrebbe essere cucinato sull'acqua. Dal latte di mucca, come da una bevanda e una componente dei piatti, dovrebbe essere astenuto per 4-6 mesi dopo il parto.
  8. Uno stile di vita sano e cibi regolari miglioreranno la salute materna e saranno una misura eccellente per la prevenzione delle allergie..

Il corpo può reagire negativamente non solo al cibo. Anche peli di animali, polvere e persino tessuti sintetici possono scatenare allergie. Se vengono rilevati sintomi sospetti, consultare un medico che determinerà la causa esatta del loro aspetto.

Allergia alimentare in un bambino: manifestazione e conseguenze. Come curare un'allergia alimentare in un bambino?

L'allergia alimentare di un bambino è una condizione estremamente spiacevole. Nonostante l'apparente insignificanza della malattia, riduce notevolmente la qualità della vita. In questo caso, a volte è difficile identificare la patologia. Dopotutto, è in grado di "mimetizzarsi" sotto vari disturbi. Affinché il tuo bambino non diventi vittima di questa malattia, leggi attentamente le caratteristiche della malattia.

Descrizione della malattia

Secondo la terminologia medica, l'allergia alimentare nei bambini è un'alta sensibilità del sistema immunitario a determinati componenti contenuti negli alimenti. La patologia si sviluppa a causa del fatto che la proteina (immunoglobulina E) entra in una reazione chimica con un "provocatore" separato.

Nella maggior parte dei casi, la manifestazione di allergie alimentari in un bambino è abbastanza specifica. I sintomi sono facilmente riconoscibili anche dai genitori che non hanno un'educazione medica..

Ma a volte la patologia può essere abbastanza insidiosa. I sintomi spiacevoli che si verificano in un bambino sono percepiti dai genitori come disturbi della pelle infettivi, mal di stomaco o raffreddore. Tuttavia, non si rendono nemmeno conto che la base di tutte le manifestazioni è l'allergia alimentare.

Naturalmente, la soluzione migliore è quella di consultare un medico in modo tempestivo. Ciò non solo diagnostica la patologia, ma protegge anche il bambino dallo sviluppo di conseguenze negative.

Le cause

Nei bambini inclini alla patologia, la malattia si manifesta molto presto. Spesso c'è un'allergia alimentare in un bambino di un mese. Spesso si manifesta con prurito ed eruzioni cutanee..

Le principali cause di reazioni allergiche, secondo i medici, sono:

  1. Nutrizione impropria durante la gravidanza. La dieta della futura mamma determina in gran parte la salute del bambino. Si raccomanda alle donne in gravidanza di escludere fragole e agrumi dalla loro dieta. Frutti di mare e pesce dovrebbero essere limitati. Negli ultimi mesi, una donna ha bisogno di rinunciare al latte di mucca. Si raccomanda di preferire prodotti a base di latte fermentato anziché questo prodotto..
  2. Introduzione precoce di miscele artificiali. Questo è un motivo comune che porta allo sviluppo di un'allergia alimentare in un bambino. Dovresti sapere: molte formulazioni del latte sono fatte dalle proteine ​​del latte vaccino. Vale a dire, è l'allergene più forte che provoca lo sviluppo della malattia. Ecco perché si raccomanda di allattare un bambino il più a lungo possibile. Ciò proteggerà il bambino non solo nei primi anni di vita, ma costituirà anche un'ottima "base" per il futuro. Se l'allattamento al seno a causa di determinati motivi non è possibile, è meglio scegliere miscele ipoallergeniche. Si basano su proteine ​​di soia o latte di capra. Tali miscele non portano ad allergie..
  3. Nutrizione impropria di una madre che allatta. Tutti i medici insistono su un'adesione attenta alla dieta consigliata. Naturalmente, tutte le madri ricordano la rigorosa restrizione nella nutrizione. Ma di tanto in tanto possono sorgere tentazioni alle quali è difficile resistere. Se sono ammessi errori gravi negli alimenti, il bambino ha molto spesso un'allergia alimentare.
  4. Alimentazione errata Sintomi spiacevoli si verificano spesso dopo aver mangiato un minuscolo alimento "adulto". Questa immagine è osservata come risultato di input prematuri di alimenti complementari, troppo cibo consumato alla volta. Alcune madri danno al bambino diverse varietà di prodotti alimentari contemporaneamente, il che influisce negativamente anche sulla salute del bambino. Per non sviluppare un'allergia alimentare in un bambino, è molto importante seguire tutte le raccomandazioni di un pediatra.
  5. Eredità. Se ai genitori viene diagnosticata un'allergia, il bambino è anche soggetto a patologia. In questo caso, le briciole possono manifestare qualsiasi forma della malattia.
  6. L'uso della terapia antibiotica. Se tali farmaci vengono utilizzati nel primo anno di vita di un bambino, in seguito il bambino può sviluppare un'allergia. In effetti, è durante questo periodo che il sistema immunitario si forma intensamente. Gli antibiotici possono interrompere seriamente il processo naturale..
  7. Sovralimentazione. Questo è un punto molto importante. Alcuni genitori dimenticano completamente le diete moderate. Qualsiasi pianto di un bambino è percepito come un requisito di cibo. Questa opinione è errata. L'allattamento eccessivo di un bambino porta spesso a reazioni allergiche. Allo stesso tempo, anche quei prodotti a cui il bambino ha precedentemente reagito normalmente possono provocarli. In questo caso, gli allergeni possono essere: latte materno, alimenti complementari, miscele adattate.
  8. Nutrizione impropria A volte una malattia si sviluppa quando il bambino ha 2 anni. Le allergie alimentari sono spesso innescate da un gran numero di conservanti, coloranti, emulsionanti, aromi nella dieta. Tali sostanze sono estranee al corpo. Pertanto, il sistema immunitario li percepisce come aggressori, che iniziano immediatamente a combattere.
  9. Varie patologie. Perché si verifica un'allergia alimentare in un bambino di 3 anni? Spesso le malattie sottostanti dell'apparato digerente, del tratto biliare, del fegato. La microflora intestinale disturbata può portare allo sviluppo di patologie. La base di tali malattie è spesso la malnutrizione. Ma a volte i disturbi possono essere congeniti. In questo caso, i sintomi spiacevoli si faranno sentire molto prima..

Prodotti allergenici

Per combattere la patologia, dovresti inizialmente escludere quel cibo che può causare una condizione spiacevole. È molto difficile determinare quali alimenti siano alla base della malattia nei bambini piccoli..

Molto spesso, un'allergia alimentare in un bambino (1 anno) è provocata da componenti come:

  • proteine ​​del latte vaccino (in qualsiasi forma);
  • pesce (specialmente marino);
  • proteine ​​di quaglia, uova di gallina (a volte tuorli, ma questo è raro);
  • bacche, verdure, frutti di colore rosso o giallo brillante;
  • proteine ​​di grano, segale, avena, riso (contengono un allergene - glutine).

Si consiglia ai bambini di introdurre un solo prodotto ogni 2 settimane nella dieta. Ciò determinerà cosa ha innescato esattamente l'allergia. Pertanto, eliminare un tale prodotto sarà facile. Tieni presente l'importante regola: ogni nuovo prodotto viene introdotto negli alimenti a piccole dosi..

La situazione è più complicata con i bambini più grandi. Un numero di prodotti aggiuntivi vengono aggiunti ai prodotti sopra elencati. Dopotutto, la dieta del bambino si sta espandendo in modo significativo.

Gravi allergie alimentari in un bambino possono essere causate dai seguenti prodotti:

  • varietà di noci;
  • calamari, gamberi, ostriche e altri tipi di frutti di mare;
  • agrumi, fragole, kiwi, prugne;
  • additivi alimentari, coloranti, conservanti, emulsionanti;
  • miele naturale, cioccolato;
  • fagiolo.

Tale cibo è molto pericoloso per i bambini da 1 anno a 4 anni. Il sistema immunitario del bambino in questo periodo acquisisce le competenze necessarie per riconoscere il "provocatore" - la proteina. La reazione del corpo non è così violenta. Ma non dovresti lusingarti di questo punteggio. Le esacerbazioni allergiche si verificheranno meno frequentemente, ma c'è un'altissima possibilità che il corpo “passi” ad altri provocatori: polline di piante, polvere domestica.

Sintomi caratteristici

La manifestazione di un'allergia alimentare in un bambino può essere abbastanza diversa. Allo stesso tempo, lo stesso prodotto può causare diversi tipi di reazioni in bambini diversi.

Le allergie alimentari si verificano spesso:

  • lesioni cutanee;
  • disturbi respiratori;
  • problemi gastrointestinali.

Considera ogni gruppo di sintomi.

Segni di una lesione cutanea allergica:

  • la comparsa di un'eruzione cutanea in superficie;
  • arrossamento;
  • sudorazione profusa, derivante anche da leggero surriscaldamento;
  • orticaria;
  • la formazione di squame caratteristiche, desquamazione (spesso nel cuoio capelluto, sopracciglia);
  • diatesi: desquamazione e prurito delle guance;
  • Edema di Quincke;
  • dermatite da pannolino nonostante un'accurata igiene.

I sintomi di una patologia che colpisce il tratto gastrointestinale sono:

  • stipsi
  • flatulenza;
  • frequenti feci molli con schiuma o verdure;
  • colica
  • sputare
  • vomito.

I disturbi respiratori includono i seguenti segni della malattia:

  1. Rinite allergica (congestione nasale, gonfiore della mucosa, presenza di naso che cola con secrezione mucosa e incolore).
  2. Mal di testa.
  3. Otite. Perdita dell'udito, orecchie chiuse.
  4. Congiuntivite allergica (prurito, bruciore agli occhi, arrossamento delle mucose, secrezione giallastra o trasparente).
  5. Broncospasmo. Petto, respiro sibilante, respiro sibilante.

A seconda dei sintomi, la patologia è divisa in:

  • debole
  • moderare
  • pesante.

Un grave grado di allergia alimentare viene trattato solo in ambito ospedaliero.

L'accesso immediato ai medici richiede una patologia, manifestata dai seguenti sintomi:

  1. Sensazione di lingua gonfia, costrizione alla gola, difficoltà a deglutire. Tali sintomi possono segnalare una condizione pericolosa: l'edema di Quincke. Questa patologia è una grave minaccia per la vita..
  2. Debolezza generale, riduzione dell'acuità visiva, vertigini. Questi segni indicano ipotensione. Come risultato della patologia, si verifica una diminuzione della pressione. La sua caduta a un livello critico porta conseguenze fatali.
  3. Mancanza improvvisa di respiro, crampi, eruzione cutanea. Temperatura elevata con allergie alimentari in un bambino, ipertensione, edema polmonare e persino perdita di coscienza. Tali sintomi caratterizzano una patologia pericolosa: shock anafilattico. Spesso questo fenomeno è provocato non dal cibo, ma dalle droghe.

Qual è la patologia pericolosa?

Ogni genitore dovrebbe sapere cosa fare se un bambino ha un'allergia alimentare. Contatta immediatamente il tuo pediatra! Qualsiasi ritardo può portare a conseguenze abbastanza gravi..

Non è necessario tentare l'autotrattamento. Qualsiasi metodo può essere utilizzato dopo aver consultato uno specialista. Solo un medico competente, che esamina il bambino, è in grado di dire come curare le allergie alimentari in un bambino.

Ignorare la patologia può portare a complicazioni come:

  • riduzione della pressione;
  • vasculite allergica;
  • shock anafilattico (provoca: pesce, noci, frutti di mare);
  • asma bronchiale;
  • anemia emolitica;
  • eczema;
  • obesità;
  • malattia da siero.

Inoltre, questa malattia è in grado di supportare patologie croniche dell'apparato cardiovascolare, dell'apparato digerente, degli organi ENT.

Metodi diagnostici

È necessario un esame approfondito per determinare come trattare l'allergia alimentare di un bambino. La diagnosi della patologia è un compito piuttosto complicato che richiede un'intera gamma di misure.

Spesso i medici ricorrono ai seguenti metodi:

  1. Analisi dei fattori di rischio. Il medico scoprirà dai genitori quali sono la dieta e la dieta del bambino. Conoscere la predisposizione ereditaria. Tali informazioni sono molto importanti per fare la diagnosi corretta..
  2. Tenere un diario alimentare dai genitori. Questa procedura, di regola, si estende per 2 settimane. I genitori devono scrivere attentamente e attentamente tutti gli alimenti che il bambino usa. Vicino a ciascun prodotto, la reazione del corpo ad esso è necessariamente registrata. Tale evento ti consente di identificare in modo molto preciso l'allergene.
  3. Esame del sangue immunologico. Questo è uno studio di laboratorio estremamente affidabile. Nel sangue prelevato da una vena, viene determinato il contenuto di una specifica immunoglobulina. Se l'analisi conferma il contenuto in eccesso di questa sostanza nel siero, allora la possibilità che un bambino abbia un'allergia alimentare è alta.
  4. Esame del sangue per provocatori. Questa analisi consente di identificare allergeni comuni. Ma a volte un tale esame non rivela tutti i provocatori. Pertanto, anche dopo aver identificato un allergene, si dovrebbero introdurre con molta attenzione nuovi prodotti nella dieta del bambino.
  5. Test cutanei. L'analisi è, di regola, per i bambini di età superiore ai 5 anni. Piccoli graffi sono fatti sull'avambraccio del bambino. Applicano acqua in cui si sciolgono gli allergeni. Dopo 10 minuti, valutare i risultati. Un graffio rosso infiammato indica che questo prodotto provoca allergia alimentare a un bambino.

Metodi di controllo delle malattie

Come curare un'allergia alimentare in un bambino? Questa domanda viene posta da molti genitori che osservano sintomi dolorosi nei loro bambini..

I metodi per combattere la patologia si basano sulle seguenti attività:

  1. Nutrizione dietetica. Dopo aver determinato l'allergene, si consiglia di escluderlo dalla dieta del bambino. Se il prodotto necessario per lo sviluppo del bambino diventa un provocatore, il medico consiglierà integratori o alimenti che possono sostituirlo. Inoltre, i genitori devono introdurre con molta attenzione alimenti pronti nella nutrizione del bambino. Ad esempio, barrette di cereali, muesli, gelati. Prima che il bambino li mangi, assicurati di studiare gli ingredienti di questo prodotto, che sono stampati sull'etichetta.
  2. Immunoterapia. Questo è un evento che ti consente di ridurre gradualmente l'intensità della reazione a un allergene specifico. Una piccola quantità di anticorpi per il provocatore stabilito viene introdotta nel corpo. A poco a poco, si osserva una diminuzione della sensibilità ad esso. In questo caso, la dose di anticorpi aumenta. Questo metodo può ridurre significativamente i sintomi spiacevoli delle allergie alimentari. Alcuni pazienti riescono persino a riprendersi completamente dalla malattia..
  3. Terapia farmacologica. Questo trattamento è una sorta di "pronto soccorso". Non salva il bambino dalle cause della patologia, ma elimina perfettamente i sintomi. I farmaci vengono utilizzati per fermare un attacco di allergia e ridurne le manifestazioni.

Dieta alimentare

Il collegamento più importante nel trattamento della patologia è la dieta corretta. Ai bambini viene prescritta una dieta ipoallergenica speciale. Si basa sull'esclusione dal cibo di alimenti che possono causare reazioni indesiderate..

Spesso, questa dieta è selezionata individualmente per ogni bambino, sulla base di test. Ma a volte i medici trovano consigliabile utilizzare una dieta ipoallergenica estesa. Questo cibo esclude tutti gli alimenti provocatori..

È stato compreso sopra quali prodotti sono indesiderabili. Ora considera cosa può fare un bambino con le allergie alimentari.

I nutrizionisti consigliano di basare la nutrizione del bambino sui seguenti prodotti:

  1. Carni magre (maiale, manzo, pollo).
  2. Pesce: branzino, cod. Per i bambini di età inferiore a 1 anno, l'uso di tale cibo non è raccomandato.
  3. Alimenti a base di latte acido: yogurt naturale (senza additivi), latte cotto fermentato, kefir, ricotta.
  4. Pane croccante: grano saraceno, riso o mais.
  5. Prugne secche, ma anche pere, mele.
  6. Frattaglie: rene, fegato e lingua.
  7. Verdure, verdure (Bruxelles, cavolfiore bianco o, insalata verde, cetrioli, spinaci, broccoli, zucchine, aneto, prezzemolo, zucca, rutabaga, rapa).
  8. Frutta e bacche: ribes bianco, pere, uva spina, ciliegie bianche, mele verdi.
  9. Cereali: semola, riso, orzo perlato, farina d'avena.
  10. Olio: girasole, oliva, panna.
  11. Bevande: brodo di rosa selvatica, tè debole, acqua minerale naturale, composta di pere, mele.

Una dieta ipoallergenica è generalmente raccomandata per 7-10 giorni. Questo periodo è spesso sufficiente per apportare notevoli miglioramenti..

Dopo un certo tempo, quando il bambino ha un'allergia alimentare, è consentito inserire gradualmente i prodotti esclusi nel menu. Dopo aver mangiato un nuovo pasto, si osserva una risposta dell'organismo per 3 giorni. Se non è emersa allergia, procedere con l'introduzione del prodotto successivo.

Questo metodo consente di identificare il cibo che provoca lo sviluppo della patologia.

Trattamento farmacologico

Questa terapia viene presa solo quando sorge la domanda, come trattare le allergie alimentari in un bambino, se l'alimentazione dietetica non porta il risultato desiderato..

Ma ricorda che solo un medico seleziona i farmaci. Dopotutto, anche i farmaci più efficaci possono non solo essere inutili, ma a volte possono danneggiare la salute delle briciole.

I seguenti farmaci sono inclusi nel trattamento farmacologico:

  1. Antistaminici. I moderni farmaci antiallergici possono essere utilizzati anche per i bambini. L'ultima generazione di farmaci non provoca conseguenze negative. Le medicine eccellenti sono: Suprastin, Zirtek, Parlazin.
  2. Assorbenti. Portano un significativo sollievo al bambino durante un attacco di allergia. I rimedi popolari sono: Enterodesum, carbone attivo, Polysorb MP, Enteros-Gel.
  3. Farmaci che normalizzano il funzionamento del tratto digestivo. Le reazioni allergiche spesso colpiscono il sistema digestivo. Pertanto, se il bambino ha sviluppato disbiosi, è necessario normalizzare la microflora intestinale. I farmaci più efficaci sono: Linex, Bificol, Bifiform.

Quando si verifica congiuntivite, rinite, vengono prescritti farmaci al bambino, di solito sotto forma di colliri, spray nasali volti ad eliminare i sintomi spiacevoli.

Prevenzione di base

Il metodo principale per proteggere il bambino dallo sviluppo di allergie alimentari è seguire una dieta. Solo rifiutando di usare prodotti provocatori puoi salvare il tuo bambino dalle ricadute.

E ricorda, un'allergia alimentare in un bambino è una patologia grave che può diventare una fonte di gravi conseguenze. Pertanto, è molto importante alle più piccole manifestazioni della malattia contattare specialisti competenti per un trattamento adeguato.